Copa Libertadores, la Copa del Fútbol

Copa Libertadores, la Copa del Fútbol

C’è una terra in cui si vive per il Fútbol, quella terra è il Sud America. Dalle Ande alle Favelas, passando per le Pampa dei Quechua, è stata plasmata la Copa Libertadores. Questo Continente è forse la culla del gioco più bello del Mondo, ecco perchè gli inglesi volevano a tutti i costi le Falkland – ridiamoci su- qualche anno fa.

In queste terre attraverso il Fútbol si cerca la “Gloria Eterna”, quella che si raggiunge solamente vincendo la sopracitata Copa Libertadores, la copa del Fútbol. Proveremo a fare un viaggio lungo i 17804990 km² di superficie, tra 422,5 milioni di abitanti ripercorriamo i successi e le scuole calcistiche che hanno raggiunto la “Gloria Eterna”.

La prima tappa ci porta in Argentina, terra del Tango e di Jorge Luis Borges lo scrittore del  “realismo magico”. Sull’ Avenida de Mayo il prestigio è dalla parte di Boca Juniors e River Plate, in due fanno 10 vittorie in 17 finali disputate, l’ultima che le ha viste protagoniste fu quella di Madrid, il superclasico della vergogna argentina.

Nessuna delle due compagini però nonostante il prestigio può permettersi di sedersi al tavolo con l’Independiente, la provincia che prevale sulla Capitale. El rey de copas di Avellaneda ha vinto 7 finali su 7 giocate nel giro di 20 anni, roba da asado di alta qualità direbbero i più golosi. I rossi dell’Independiente sono coloro che hanno il record di vittorie nella competizione e chi non ricorda il duo  Bochini-Bertoni in attacco mente.

foto: wikipedia.it

Li vicino, passando per il Río de la Plata, si arriva in Uruguay. Ebbene si la pelota continua a rotolare lungo le strade che percorrevano i Charrúas. La nazione celeste,  Penarol de Montevideo e Nacional de Montevideo, in due oltre 100 titoli nazionali e ben 8 vittorie nella Copa Libertadores.

Vittorie fresche e dal retrogusto amaro, un pò come il Mate, vittorie susseguitesi tutte tra gli anni 60 e gli anni 80. In quegli anni “el negro” Luis Cubilla, si prese il lusso di vincerla con la maglia di entrambe le squadre oer ben 3 volte, spiace e non poco per Francescoliche per la ” Gloria Eterna” dovette andare al River.

Foto: balonlatino.net

Lasciamo le pampas e andiamo nella nazione che più ha dato vivacità al calcio, quella dove Samba e Fútbol si uniscono e trovano via libera tra le Favelas e le braccia del Cristo Redentore. Il Brasile ha visto tante compagini sollevare la grande Copa , altrettanti sono stati i Campioni verdeoro che sono stati i protagonisti. L’ultima finale è stata vinta dal Palmeirasnel derby paulista, il primo della storia in finale, dopo i 2 derby passati tra San Paolo, Atletico Paranaense eInternacional De Porto Alegre

Breno Enrique un nome meno altisonante rispetto agli altri ha riportato la Copa in Brasile, per il secondo anno consecutivo, chiediamo scusa ai tifosi del River che ancora non si sono ripresi lo scorso anno dall’impatto del Flamengo al Monumental de Lima. Pelè e  Neymar con il Santos, Zico col Flamengo le punte di diamante del Fútbol Bailado che hanno regalato al Brasile 20 titoli del Sud America. Cara Copa un altro anno al Sole sulle spiagge di Copacabana grazie al Verdao.

Foto: calcioefinanza.it

Non da meno sono state le vittorie de “Los Cafeteros”, la Colombia infatti negli anni ’80 e ’90 provò più e più volte a vincere la “Champions League” del Sud America. Tra il 1985 e 1987 l’America de Calì arriva tre volte in finale di Copa Libertadores, perdendo sempre la partita decisiva anche a causa di un pizzico di sfortuna. Ad alzare il trofeo su cui mai nessuna squadra colombiana era riuscita a mettere le mani fino ad allora fu, nel1989, l’Atletico Nacional de MedellinLos Verdolagas, tanto amati dal Re del Narcotraffico Pablo Escobar. 

HiguitaAsprilla e Andres Escobar aprivano la primavera Colombiana che purtroppo mai riuscì a sbocciare e non per colpa del povero Andres come molti dicevano. La Colombia è tornata alla ribalta di nuovo negli anni 2000 di nuovo con l’Atletico Nacional e con la sorpresa Once Caldas, due parentesi, fugaci e forse anche un pò fortunate, considerando che le squadre colombiane hanno vinto 3 volte la competizione di cui 2 volte ai rigori.

foto: mondofutbol.com

Il nostro viaggio termina cosi allo scorso weekend al Maracanà di Rio De Janeiro ma la Libertadores, resta sempre una competizione fatta di passione, storie e di talenti che nonostante i 51 anni non ha mai perso il suo appeal. La copa del Fútbol la copa della “Gloria Eterna”.

Ciro Morra

Acquista anche tu il libro “Against modern Football” il bestseller di Amazon:
Clicca qui : https://www.amazon.it/dp/1709781866/ref=cm_sw_r_cp_api_i_-HIKFb00T28EJ

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è libro-720x900.jpg

Leggi anche

1 – Il fitto calendario è un problema: le parole di Giampaolo

2 – Oggi la decisione del Giudice sportivo per la squalifica di Insigne

3 – Serie A, ecco l’arbitro di Lazio-Napoli

4 – Il Milan prova a rinforzare la rosa: ecco chi potrebbe arrivare in rossonero

5 – Bergonzi: “Una brutta parola può scappare durate un’azione, però Insigne…”

6 – La statistica: come Mourinho sta cambiando Kane e Son

7 – La FIGC non si costituisce sul caso di Torino: cosa succede adesso?

8 – QUALE SARÀ IL FUTURO DEL PAPU?

9 – BOXING DAY, LE PARTITE DI OGGI

10 – VIDEO – UNO SPECIALE PER D10S: DOVE E QUANDO VEDERLO

11 – NAPOLI – TRA CAMPIONATO E COPPE, NOVE PARTITE IN UN MESE?: IL POSSIBILE CALENDARIO

12 – ALMENDRA NON VENNE CEDUTO AL NAPOLI, BURDISSO SPIEGA IL PERCHÉ

13 – LA FAMIGLIA DE LAURENTIIS NON PUNTA SUL CALCIO FEMMINILE

14- ZIDANE: “HO TERMINATO L’ISOLAMENTO, DOMANI SARÒ IN PANCHINA!”

15 – PREMIER, IL TOTTENHAM VINCE E RAGGIUNGE IL 5′ POSTO

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search