Napoli, parla l’avvocato Grassani: ecco le sue parole sulla Coppa d’Africa

Napoli, parla l’avvocato Grassani: ecco le sue parole sulla Coppa d’Africa

L’avvocato del Napoli, Grassani, ha rilasciato un’intervista esclusiva a Calcionapoli24, dove ha toccato diversi argomenti, tra cui la Coppa d’Africa e la sera dell’ammutinamento.

Ecco quanto riportato:

“Ho acclarato le ragioni del club, quella sera ci fu ammutinamento, senza precedenti in serie A ma anche negli altri campionati importanti. Questo ammutinamento non poteva essere lasciato correre senza un intervento serio da parte della società. Questa è stata la missione che De Laurentiis mi ha affidato. II Collegio arbitrale ha dato la possibilità di indire il ritiro: i calciatori ritenevano il ritiro punitivo, ma era finalizzato al recupero di amalgama e risultati in campionato che non stavano arrivando. Individuare chi è stato capopopolo, sono stati i tre snodi del procedimento: Allan e Hysaj sono definitivi, Maksimovic è in dirittura d’arrivo. I primi due si sono svolti a Napoli, l’altro a Roma. Ogni giorno è buono, c’è la sentenza arbitrale per la controversia Maksimovic. Coppa dAfrica? Possono partire diffide e altre analoghe situazioni vista la situazione epidemiologica. Questa competizione sottrae risorse importanti ai club. II momento storico è particolare, ci fosse il 99% di tranquillità e sicurezza sarebbe diverso. Ma sono i club che ha investito tanti soldi per l’acquisizione del suo cartellino di Osimhen e se dovesse tornare contagiato, sarebbe dura. II primo passo sarebbe la diffida. Ci fossero elementi concreti, con standard sanitari che non sono gli stessi dei paesi occidentali europei, allora si potrebbero inoltrare ricorsi per ottenere le esenzioni dei calciatori europei. Salemitana? La normativa non guarda al giusto e al logico ma deve essere interpretata e applicata. La FIGC, nella figura di Gravina, quando entre) in vigore la normativa, fu chiara: due club non possono militare nello stesso campionato. Quando avviene per promozione o retrocessione, esistono tempi nei quali liter deve essere evaso, spogliando della proprieta il medesimo soggetto, attraverso forme di cessione. Questa cosa non sta accandendo a Salerno. II campionato deve essere il più regolare possibile, facendo arrivare magari 20 squadre a fine stagione ma vanno evitate anche ombre su incontri di due società legate dalla stessa proprietà. Il 31 dicembre puo essere it giorno del giudizio, salvo se la FIGC non modifichi la normativa”.

Foto: Instagram Napoli

Mario Angelillo

1 – Il mondo non si ferma ad Aurelio De Laurentiis

2 – The man of the Day: Kylian Mbappè

3 – Napoli…al femminile: due errori condannano le azzurre

4 – Copa Libertadores, la Copa del Fútbol

5 –The Best Moments of The Weekend

6 – I pronostici di Paroladeltifoso bet

7 – I calciatori mancati dal Napoli

8 – Calcio e cinema, binomio dello spettacolo

9 – ULTRAS HABITS: STONE ISLAND, IL CULTO

10 – Sulle note di Atalanta-Napoli

11 – I 5 pensieri post Napoli-Juventus

12 – Il meglio dei social di Napoli-Juventus

13 – Moment Wags – Ecco la sorella di Icardi

14- Napoli e non solo, tutti vogliono Italiano: ecco come potrebbe liberarsi dallo Spezia

15 – La costruzione dal basso, idea vera o moda?

16 – Barcellona-PSG: pass network e top combinazioni, il grafico

17 – Maradona: la sua auto sarà battuta all’asta

18 – Man of the Match di Napoli-Juventus

19 – Top e flop di Napoli-Juventus: Meret salva il risultato, Rrahmani insuperabile

20 – “Sti Gran Calci…” di Gianmaria Roberti

21 – Il Caffè del Professore

22 – La nostra rubrica fantacalcio: tutti i consigli partita per partita

23 – Neymar ha deciso di divorziare dalla Nike, scopriamo i motivi della scelta del brasiliano

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search