Napoli al…femminile: una sconfitta ingiusta

Napoli al…femminile: una sconfitta ingiusta

604.800″ secondi dopo l’ultima volta, torniamo con “Napoli al…femminile“. Ci eravamo lasciati con il pareggio a reti bianche del ‘Sinergy Stadium’ di Verona contro l’Hellas ed oggi parliamo della sconfitta casalinga inflitta dal Milan.

Foto: Instagram Napoli Femminile

LA SETTIMANA CHE PORTA AL MATCH

Dopo il punto preziosissimo -come definito da mister Alessandro Pistolesi– raccolto in casa delle scaligere, le azzurre hanno iniziato la preparazione per affrontare la terza forza del campionato, senza il difensore Marie Aurelle Awona, le centrocampiste Emma Severini e Gimena Blanco e l’attaccante Soledad Jaimes. Inoltre, non al meglio della condizioni i riferimenti offensivi Evi Popadinova e Deppy Chatzinikolaou.

La sfida è stata presentata così alla vigilia dal coach partenopeo: “Abbiamo un po’ gli stessi problemi di formazione perché anche Deppy e Popadinova non sono al meglio della condizione, ma non dobbiamo fasciarci la testa. Contro una formazione forte proveremo a ripetere la prestazione sfoderata con la Fiorentina, fatta di grinta, intensità e qualche contropiede ben orchestrato. L’atteggiamento dovrà essere quello giusto e dovremo replicarlo anche nel turno successivo in casa della Juventus perché far punti contro le grandi può marcare la differenza rispetto alle dirette concorrenti per la permanenza in A”.

Foto: Instagram Napoli Femminile

IL SOSTEGNO DEI TIFOSI

Come sottolineato negli scorsi appuntamenti, il ritorno dei tifosi sugli spalti dell’impianto casalingo per le Tartarughine -quest’anno il Giuseppe Piccolo di Cercola (NA)-, può essere una spinta fondamentale. Oltre a farsi sentire dagli spalti, i fan hanno apposto diversi striscioni ed il più significativo è quello che vi riportiamo qui. Perché come richiesto anche dall’allenatore, i supporter vogliono vedere una formazione che ci metta GRINTA in ogni sfida!

Foto: Instagram natatralefiamme

LA GARA

Come abbiamo rilevato in precedenza, il team all’ombra del Vesuvio arrivava al match con diverse defezioni di formazione soprattutto nel reparto avanzato. Il tecnico ex Empoli è ripartito dal 3-5-2 proposto contro l’Hellas Verona, che ha dato una solidità maggiore alla squadra e lo ha disposto in campo così: Aguirre tra i pali; Garnier, Di Marino e Corrado a comporre in terzetto difensivo; Imprezzabile(62′ Porcarelli) ed Abrahamsson sulle fasce laterali con Colombo, Tui e Goldoni (77′ Popadinova) centrali. In avanti spazio ad Acuti (77′ Deppy) ed Erzen. Da evidenziare i 90′ minuti disputati da Guðný Árnadóttir e Valentina Giacinti, rispettivamente difensore ed attaccante rossonere entrambe ex dell’incontro.

Inizio di gara equilibrato con le ospiti che tengono più la palla, ma non impegnano Yolanda Aguirre. All’8′ minuto palla recuperata da Sofia Colombo che finisce sui piedi Kaja Erzen. Quest’ultima cerca e trova Arianna Acuti in profondità, ma viene stesa da Laia Codina ed è rigore per le padroni casa. Penalty che batte Eleonora Goldoni e con un destro potente colpisce in pieno la traversa alla destra di Laura Giuliani, che aveva comunque intuito la traiettoria.

Al 24′ minuto prima vera occasione per l’undici di Maurizio Ganz, che la riesce a concretizzare e si porta in vantaggio con Sara Thrige Andersen. Il tutto parte da un tiro di Greta Adami che l’estremo difensore partenopeo respinge, ma la sfera rimane li e l’esterno destro milanista la deve solo spingere in rete. Passano solo tre minuti ed il Milan ha l’occasione di raddoppiare con Veronica Boquete, che dopo un’azione in solitaria prova a trovare la via della rete con un sinistro ad incrociare, ma la parata risulta comoda per la numero 13 avversaria.

Al minuto 42′ fallo di Emily Grenier su Christy Grimshaw ed altro tiro dagli undici metri, sta volta per le rossonere e se ne incarica Valentina Giacinti. L’ex battezza l’angolo alla sinistra di Aguirre, che intuisce e respinge. Quindi ci provano prima Valentina Bergamaschi, ma ribatte ancora il portiere napoletano, e poi Thrige, ma Grenier salva sulla linea e Paola Di Marino sventa definitivamente la minaccia, spazzando via la palla. Subito dopo, fallo di Codina su Acuti -sta volta a metà campo-, che si guadagna il secondo giallo e la conseguente espulsione. La prima frazione di gioco termina 0-1.

I secondi 45′ minuti li iniziano meglio le ospiti, che ci provano due volte con Bergamaschi, ma senza successo: la prima volta al 47′ minuto di testa su cross di Boquete, ma la sfera finisce di poco a lato e la seconda dopo dieci minuti quando supera in velocità Di Marino e tutta sola calcia verso la porta, ma chiude bene lo specchio Aguirre. Non ci sono altre situazioni da evidenziare fino all’80’ minuto quando Deppy protegge bene palla e la dà a Popadinova, che ci prova, ma il tiro è centrale e blocca Bergamaschi senza problemi.

Dopo 10′ minuti, l’ultima occasione della partita ed è delle locali: Erzen si invola verso l’area di rigore, ma viene limitata fallosamente dalla numero 7 avversaria, ma non secondo l’arbitro, che quindi non concede il rigore. La sfida termina 0-1 ed il Napoli Femminile scivola al nono posto a 4 punti alla pari von Pomigliano ed Empoli, rispettivamente ottava e settima.

Foto: Instagram Napoli Femminile

IL POST MATCH

Al termine della sfida, mister Pistolesi si è detto dispiaciuto del risultato, per il rigore non concesso alla sua squadra e non solo: “Non ho la sensazione ma la certezza che fosse rigore, peccato perché avremmo meritato di più contro un’avversaria forte. Le abbiamo ingabbiate bene in avvio, poi dopo il gol subito abbiamo ripreso coraggio con la loro espulsione. Avremmo voluto approfittare di più della superiorità numerica, ma abbiamo potuto farlo solo nel finale perché le nostre punte non avevano più di un quarto d’ora nelle gambe. Abbiamo rinnovate certezze, come ad esempio la difesa a tre. Popadinova e Deppy si stanno rimettendo e presto avremo Soledad: tutte armi in più che potranno rivelarsi davvero utili per la squadra”.

Inoltre, i tifosi hanno comunque sostenuto le partenoepee -sia allo stadio che sui social- e la centrocampista Sara Tui, con un post su Instagram, ha fatto capire come adesso sia importante rialzarsi.

Foto: Instagram Sara Tui

FORZA AZZURRE!

SE NON HAI POTUTO VEDERE LA PARTITA CLICCA QUI!

Foto Copertina : Instagram Napoli Femminile

Alfonso Oliva

Leggi anche

1 – Top e Flop Napoli-Inter: Meret eterno indeciso, Manolas salva il risultato

2 – The man of the Day: Kylian Mbappè

3 – Napoli…al femminile: due errori condannano le azzurre

4 – Vincenzo Italiano: dalla Serie D al contatto con grandi club in 4 anni

5 –Top e flop Sampdoria-Napoli: Fabián sale in cattedra, Osimhen la chiude

6 – Top e flop Juventus-Napoli: Hysaj da Horror, Di Lorenzo in ripresa

7 – Napoli al…femminile: brutta batosta per le azzurre a Milano

8 – Napoli al…femminile: un punto fondamentale verso la salvezza

9 – Napoli, Folorunsho sta facendo faville con la Reggina

10 – Under 21- Scopriamo chi è Youssef Maleh, il talentino che ha portato in vantaggio la squadra contro la Svezia U21

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search