Il Caffè del Professore di Salvatore Sabella

Il Caffè del Professore di Salvatore Sabella


SALVATORE SABELLA – E sono 50 i punti conquistati sul campo, giochiamo il migliore calcio del campionato, rispettiamo le regole e questo onora la nostra passione.
Un manipolo di ” tigrotti”, con a capo un ghepardo Nigeriano, nelle vesti della ” tigre della Malesia” , nella memoria di Emilio Salgari , sta ridando giustizia contro il potere del sopruso e dell’ imbroglio.
E questo ci rende fieri.

Il calcio è un gioco, unisce e divide, diventa orgoglio e rivalsa, ma rimane, per noi gente pulita, solo un gioco , con tutte le sue infinite sfumature, ma sempre e solo un magnifico gioco.
Abbiamo inanellato tanti record, siamo alla metà dell’ opera, non abbiamo lasciato nulla a nessuno, cavalchiamo l’ onda inarrestabile dei più forti, sul campo.

Ieri a Salerno non c’è stata partita, davvero poco più di un allenamento fatto su un campo difficile per le condizioni meteorologiche ed ambientali.
Ma il Napoli non conosce ostacoli, anche nella serata fredda dell’ Arechi, al cospetto della volenterosa , e nulla più, Salernitana, che ha proposto il migliore non gioco finora visto, fatto di 10 uomini di movimento schierati a protezione della propria area di rigore, ha vinto di giustezza per la legge del più forte.

“Il caffè del Professore di Salvatore Sabella “

Siamo partiti troppo leziosi, quasi intrappolati nella rete di Nicola, non si riusciva ad allargare la manovra, poco movimento senza palla, nessuno provava la giocata, non c’erano sovrapposizioni per creare la superiorità numerica.

Ma il Napoli ha la consapevolezza della sua forza , sa di essere una grande squadra con fondati principi di gioco e da uno questi è nato il vantaggio.
Inserimento di Anguissa tra le linee su suggerimento di Rui, scarico al centro e conclusione di potenza e precisione del capitano Di Lorenzo ritornato sui suoi ottimi livelli di rendimento.

In quel nano secondo, proprio al termine della prima frazione, c’è tutto il nostro campionato vissuto sulle ali di una consapevolezza di superiorità che nulla di terreno sembra essere in grado di fermare verso il trionfo.
Il gol è sembrato liberatorio , ma solo per noi che assistevamo allo spettacolo.

Ci ha pensato poi Osimehn, ad inizio ripresa , come sempre determinante, a chiudere l’ incontro con la zampata vincente nel riprendere la respinta dal palo su un’ ottima conclusione di Elmas.

Un battito di ciglia e si è archiviata un’ altra vittoria mai messa in discussione.
Ottimo Meret sempre molto reattivo ( solo) tra i pali, sicuro Rui, brillante Anguissa.

Lucida anche la lettura di Spalletti, ha tenuto in campo più del solito gli undici di partenza, quasi a testare la tenuta psicologica dei suoi uomini dopo il ” tradimento ” subito per l’ eliminazione dalla coppa nazionale.
Forse, in fondo, non gli è poi dispiaciuto molto, questo neo gli permetterà intere settimane tipo di allenamenti, la gioia per qualunque tecnico.

Come sempre la prossima è decisiva, viene la Roma in quello che era il derby del sud (ora rovinato da pochi delinquenti che ci mortificano), un avversario scomodo perché lunatico e capace di prestazioni altalenanti anche durante la stessa partita.
La nostra filosofia ci impone di giocare sempre per vincere ma attenzione, ora il credo ci deve imporre anzitutto di non perdere quando non si riesce a prevalere, aver creato un grosso vantaggio in classifica serve a questo.

Continui questo spettacolo che non è solo il nostro ma è di tutti gli appassionati soprattutto per chi ama questo sport che invece qualcuno, pochi e sempre gli stessi, prova a distruggere creando un sistema che noi invece stiamo abbattendo con il semplice e pulito rotolare della palla nella rete avversaria.
In fondo il calcio è ( dovrebbe) solo questo e premia il migliore sul campo.
Andiamoci a prendere il trofeo in virtù della nostra grande bellezza e onestà ( non solo intellettuale).


Salvatore Sabella

Foto: Instagram Napoli

Leggi anche

1 – Il fitto calendario è un problema: le parole di Giampaolo

2 – Oggi la decisione del Giudice sportivo per la squalifica di Insigne

3 – Serie A, ecco l’arbitro di Lazio-Napoli

4 – Il Milan prova a rinforzare la rosa: ecco chi potrebbe arrivare in rossonero

5 – Bergonzi: “Una brutta parola può scappare durate un’azione, però Insigne…”

6 – La statistica: come Mourinho sta cambiando Kane e Son

7 – La FIGC non si costituisce sul caso di Torino: cosa succede adesso?

8 – QUALE SARÀ IL FUTURO DEL PAPU?

9 – BOXING DAY, LE PARTITE DI OGGI

10 – VIDEO – UNO SPECIALE PER D10S: DOVE E QUANDO VEDERLO

11 – NAPOLI – TRA CAMPIONATO E COPPE, NOVE PARTITE IN UN MESE?: IL POSSIBILE CALENDARIO

12 – ALMENDRA NON VENNE CEDUTO AL NAPOLI, BURDISSO SPIEGA IL PERCHÉ

13 – LA FAMIGLIA DE LAURENTIIS NON PUNTA SUL CALCIO FEMMINILE

14- ZIDANE: “HO TERMINATO L’ISOLAMENTO, DOMANI SARÒ IN PANCHINA!”

15 – PREMIER, IL TOTTENHAM VINCE E RAGGIUNGE IL 5′ POSTO

16 – Barcellona-PSG: pass network e top combinazioni, il grafico

17 – Maradona: la sua auto sarà battuta all’asta

18 – Man of the Match di Napoli-Juventus

19 – Top e flop di Napoli-Juventus: Meret salva il risultato, Rrahmani insuperabile

20 – “Sti Gran Calci…” di Gianmaria Roberti

21 – Il Caffè del Professore

22 – La nostra rubrica fantacalcio: tutti i consigli partita per partita

23 – Neymar ha deciso di divorziare dalla Nike, scopriamo i motivi della scelta del brasiliano

24 – INSTAGRAM PAROLA DEL TIFOSO

Start typing and press Enter to search