I 5 pensieri post Napoli-Udinese

I 5 pensieri post Napoli-Udinese

Foto: Instagram Kim

Termina qui la prima parte di questo campionato per il Napoli. Gli azzurri vincono, con il brivido, per 3-2 contro l’Udinese e raggiungono la 13esima vittoria su 15 gare disputate. Ecco cinque pensieri che possono racchiudere al meglio il match:

1. Osimhen è un guerriero!

Foto: Instagram Osimhen

Per l’ennesima volta, bisogna parlare di Victor Osimhen. Il nigeriano è, ormai, l’uomo più decisivo e pericoloso della Serie A. Quello che stupisce della sua partita non è soltanto il gol che mette a segno nel primo tempo, ma l’atteggiamento che ha in campo per tutti i 90 minuti. Corre, grida e si fa sentire senza mai stancarsi. Inoltre, si dispera ad ogni piccolo errore, senza mai mollare di un centimetro. Grandissimo attaccamento alla maglia da parte sua.

2. Che crescita da parte di Elmas

Foto: Instagram Elmas

Uno dei giocatori azzurri più discussi è sicuramente Elif Elmas (per situazioni di campo e non). Eppure, nelle ultime gare si è notata una grandissima crescita da parte sua. Il macedone gioca una partita fantastica e non fa rimpiangere Kvaratskhelia per neanche un secondo. L’assist al bacio per il gol di Osimhen e la rete dopo una fantastica finta sono soltanto la ciliegina sulla torta della sua ottima gara.

3. Kim è un grande uomo

Foto: Instagram Kim

Forse la peggior partita di Kim Min-Jae da quando veste la maglia del Napoli. Il coreano appare molto disattento e da un suo errore arriverà la seconda rete dell’Udinese. Ma compie una grandissima giocata sui social, alla fine del match. Il giocatore approfitta di un mezzo di comunicazione come Instagram per scusarsi con la squadra e con i tifosi. Grande gesto di umiltà, complimenti a lui.

4. Abbiamo rischiato molto

Foto: Instagram Udinese

Sul 3-0 gli azzurri hanno mollato ed hanno rischiato la rimonta. In pochi minuti, l’Udinese ha riaperto la partita e ha fatto correre più di un brivido sulla schiena dei tifosi del Napoli. Fortunatamente, questa volta non è andata a finire come le trasferte di Empoli e Sassuolo della scorsa stagione. Il Napoli ha raggiunto lo stesso la vittoria ma, come detto da mister Spalletti, si è visto come ogni partita può essere difficile e come non si debba mai lasciare la presa durante il corso del match.

5. Che peccato doversi fermare

Foto: Instagram Elmas

In un bel momento come questo, è veramente un peccato dover fermare il campionato per tutto questo tempo. Adesso, nascono le incognite per il ritorno a Gennaio e per la continuità che il Napoli ha dimostrato fino ad ora. L’unica cosa che possiamo fare è quella di goderci il momento, con la consapevolezza di avere una squadra che ha fatto tutto ciò che poteva in questa prima parte di Serie A. Ciao Napoli, ci rivedremo nel 2023!

Mario De Lucia

LEGGI ANCHE

È finita un’era, Mertens lascia il Napoli

Crowdfunding: il finanziamento che mette al centro i tifosi

La miniera d’oro degli americani: la Seria A

Europei Femminili, la vittoria dell’Inghilterra e il disastro dell’Italia

Kepa è il portiere giusto per il Napoli?

Stadio di proprietà: è un bene per i tifosi?

Top e Flop Napoli-Lecce: male Ndombele, solido Ostigard

Meret sarà il portiere del futuro: siamo sicuri?

La grande ingiustizia: il calcio femminile è ancora troppo lontano da quello maschile

Napoli al…femminile: la salvezza non è stata raggiunta, la retrocessione è realtà

Caro Simeone, era destino

Top e Flop Napoli-Liverpool: Anguissa sontuoso, Kvaratskhelia fenomeno

Eriksen è tornato in campo

Tanto pane per i denti delle ‘vedovelle’: Milik brilla con il Marsiglia e Osimhen non fa gol

Mondiale 2022: parola d’ordine sfruttamento della forza lavoro

Puma, lanciate le maglie senza logo: meglio così?

Perché l’Olanda continua a fallire?

Bayern Monaco-Sambenedettese: il gemellaggio che non vi sareste mai aspettati

Instagram

Start typing and press Enter to search