Gravina: “Il calcio ha bisogno di sostenibilità. Sul gioco online non c’è ritorno economico”

Gravina: “Il calcio ha bisogno di sostenibilità. Sul gioco online non c’è ritorno economico”

Foto: Twitter Serie A
Gravina: “Il calcio ha bisogno di sostenibilità. Sul gioco online non c’è ritorno economico”

Il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, ha rilasciato un’intervista agli Stati Generali dello Sport organizzati da Italia Viva. Le sue parole:

“Il nostro è un mondo che nel periodo della pre-pandemia ha avuto e ha 4,6 milioni di praticanti nonché 1,4 milioni di tesserati. È un mondo che, attraverso il suo impatto socio-economico, ha un peso da oltre 3,1 miliardi di euro. Per ogni euro di contributo che riceviamo dal Governo italiano ne restituiamo 18,3. Questo fa capire quanto il nostro sistema abbia bisogno di sostenibilità, anche se è una parola che mi piace poco”

“A me piace uno sviluppo sostenibile, inteso come parola che toglie dal viluppo, dalle catene. Per noi, la politica si deve occupare di sport, non deve occupare lo sport. Ripetiamolo e cerchiamo di applicarlo con comportamenti coerenti. Il nostro mondo ha bisogno di ritrovare modalità di sviluppo economico, deve trasformare il PIL in BIL, benessere interno lordo”.

Su cosa può fare a politica per lo sport e per il calcio:

“Anzitutto, adottare provvedimenti che eliminino quelle modalità di cattiva applicazione o cattivo uso, mi riferisco anzitutto al decreto crescita. È un provvedimento nel quale il mondo del calcio non può rientrare, perché non si riferisce a beni strumentali come sono i calciatori. Poi, la legge fondamentale dello sport italiano, la 91 dell’81: è obsoleta, è una legge che comunque va rivista. Infine, c’è una opportunità per quella che può essere una naturale applicazione di una risoluzione del Parlamento Europeo del 2011”.

Sul gioco online:

“Mi riferisco al gioco online, alla tutela del diritto d’autore, agli eventi che organizziamo: non è pensabile che produciamo 16 miliardi di euro e non ci sia un ritorno. Lo chiediamo alla politica: non entro nel merito di provvedimenti in fase di valutazione del Parlamento italiano. Acceleriamo questi processi, il nostro mondo chiede risposte concrete. E chiudo con quello che il mondo del calcio dovrebbe fare per dare dimostrazione di serietà: lavoriamo sui vivai dei giocatori, dei giovani e magari di qualche dirigente un po’ meno maleducato”.

LEGGI ANCHE

1 – Fantacalcio: i nostri consigli per la 12a giornata

2 – Napoli al…femminile: la partita delle polemiche

3 – Top e Flop Napoli-Torino: Osimhen decisivo, Rrahmani imperioso

4 – Spospola l’hashtag “Ancelottiout”: è arrivato il momento per ‘Re Carlo’ di farsi da parte?

5 – Scuffet: dall’etichetta di ‘nuovo Zoff’ al trasferimento all’Apoel Nicosia

6 – FIFA, eFootball e due nuovi videogiochi: ecco tutte le novità nel mondo del calcio virtuale

7 – La storia di Messias: da corriere alla Champions League

8 – Puma, lanciate le maglie senza logo: meglio così?

9 – Napoli attento a non esaltarti troppo

10 – Leo Messi sarà il primo calciatore pagato con i PSG Fan Token: ecco di cosa si tratta

11 – Bayern Monaco-Sambenedettese: il gemellaggio che non vi sareste mai aspettati

12 – Rosario Central-Newell’s Old Boys, una rivalità forte quanto ‘sconosciuta’

13 – Olimpiadi: dalle polemiche di Tokyo 2020, alla mancata partecipazione della Nazionale italiana di calcio

14 – Neymar ha deciso di divorziare dalla Nike, scopriamo i motivi della scelta del brasiliano

15 – Under 21- Scopriamo chi è Youssef Maleh, il talentino che ha portato in vantaggio la squadra contro la Svezia U21

16 – Galtier: dalla lunga gavetta alla vetta della Ligue 1

17 – Vincenzo Italiano: dalla Serie D al contatto con grandi club in 4 anni

18 – Damsgaard: la sorpresa di Euro2020

19 – Danimarca: l’outsider tra le semifinaliste di Euro2020

20 – Calcio e sostenibilità, un binomio che si diffonde sempre di più

21 – Perché l’Olanda continua a fallire?

22 – Dalla Serie B alla A, la finale playoff che non ti aspetti

23 – La favola di Pessina: in 4 anni, dalla Serie B con lo Spezia al gol agli Europei

24 – Quanto guadagnano i calciatori andando in Nazionale?

Gravina: “Il calcio ha bisogno di sostenibilità. Sul gioco online non c’è ritorno economico”

1 Comment

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search