EURO 2020, l’analisi del Gruppo C: l’esordiente Macedonia per scrivere la storia

Foto: profilo Twitter UEFA EURO 2020

Due giorni al fischio d’inizio di EURO 2020, torneo che si aprirà con uno spettacolo contraddistinto dalla presenza di Francesco Totti, Alessandro Nesta e le famose Frecce Tricolore. Analizziamo il Gruppo C, il quale è composto da Olanda, Austria, Ucraina e Macedonia del Nord.

Il ritorno dell’Olanda, la grande favorita

Foto: profilo Twitter UEFA EURO 2020

La nazionale olandese torna nel calcio dei grandi dopo ben sette anni d’assenza. L’ultima competizione internazionale disputata dagli Orange, infatti, risale al 2014, anno in cui il gruppo di van Gaal ottenne un memorabile terzo posto nell’avventura brasiliana. Ecco i convocati:

Bizot (AZ), Krul (Norwich), Stekelenburg (Ajax); van Aanholt (Crystal Palace), Aké (Manchester City), Blind (Ajax), Dumfries (Psv Eindhoven), de Ligt (Juventus), Timber (Ajax), Veltman (Brighton), de Vrij (Inter), Wijndal (AZ Alkmaar); van de Beek (Manchester United), Gravenberch (Ajax), de Jong (Barcellona), Klaassen (Ajax), Koopmeiners (AZ Alkmaar), de Roon (Atalanta),  Wijnaldum (Liverpool); Berghuis (Feyenoord), Gakpo (Psv Eindhoven), de Jong (Siviglia), Malen (Psv Eindhoven), Depay (Lione), Promes (Spartak Mosca), Weghorst (Wolfsburg).

Alto tasso di qualità nel reparto difensivo, il quale vede de Ligt e Akè come grandi certezze. Wijnaldum, de Jong e van de Beek garantiranno grinta e carattere al centrocampo. Il terminale offensivo, invece, sarà Depay. Da tenere d’occhio Koopmeiners, calciatore che ha attirato l’attenzione di tantissime squadre europee dopo prestazione brillanti con la divisa dell’AZ Alkmaar.

Austria: la grande occasione

Foto: profilo Twitter UEFA EURO 2020

Dal 1998, la nazionale austriaca ha collezionato soltanto tre apparizioni tra Europei e Coppa del Mondo. La qualificazione al Campionato Europeo che sta per partire, impreziosita da un sorteggio abbastanza positivo per quanto riguarda la fase a gironi, potrebbe rappresentare l’inizio di un nuovo capitolo. Questi gli uomini scelti per scrivere la storia:

Bachmann (Watford), Pervan (Wolfsburg), Schlager (Lask); Alaba (Real Madrid), Dragović (Bayer Leverkusen), Friedl (Werder Brema) Hinteregger (Eintracht Francoforte), Lainer (Borussia Mönchengladbach), Lienhart (Friburgo), Posch (Hoffenheim), Trimmel (Union Berlin), Ulmer (Salisburgo); Baumgartlinger (Bayer Leverkusen), Baumgartner (Hoffenheim), Grillitsch (Hoffenheim), Ilsanker (Eintracht Francoforte), Laimer (Lipsia), Lazaro (Borussia Mönchengladbach), Sabitzer (Lipsia), Schaub (Lucerna), Schlager (Wolfsburg), Schöpf (Schalke); Arnautović (Shanghai Port), Gregoritsch (Augsburg), Kalajdzic (Stoccarda), Karim Onisiwo (Mainz).

David Alaba, nuova stella del Real Madrid, dovrà guidare i propri compagni con la tantissima esperienza acquisita nel lungo cammino con il Bayern Monaco. Presente anche Lazaro, calciatore di proprietà dell’Inter. Occhio a Sabitzer del Lipsia, centrocampista che garantisce spesso ottime prestazioni in Bundesliga. Il classe 1994 potrebbe essere una delle rivelazioni di questa competizione.

L’Ucraina di Shevchenko: la mina vagante che cerca notorietà tra le grandi

Foto: profilo Twitter UEA EURO 2020

Terza partecipazione per l’Ucraina, squadra che non ha mai centrato l’accesso alla fase ad eliminazione diretta. I ragazzi di Shevchenko sono reduci da un grandissimo girone di qualificazione, concluso addirittura da capolista con tre punti in più del Portogallo di Cristiano Ronaldo. Ecco l’elenco dei calciatori a disposizione dell’ex attaccante del Milan:

Bushchan (Dinamo Kiev), Pyatov (Shakhtar Donetsk), Trubin (Shakhtar Donetsk); Sobol (Brugge), Zabarnyi (Dinamo Kiev), Kryvtsov (Shakhtar Donetsk), Popov (Dinamo Kiev), Tymchyk (Dinamo Kiev), Mykolenko (Dinamo Kiev), Karavaev (Dinamo Kiev), Matviyenko (Shakhtar Donetsk); Sydorchuk (Dinamo Kiev), Malinovskyi (Atalanta), Shaparenko (Dinamo Kiev), Marlos (Shakhtar Donetsk), Makarenko (Kortrijk), Zinchenko (Manchester City), Tsygankov (Dinamo Kiev), Stepanenko (Shakhtar Donetsk), Yarmolenko (West Ham), Zubkov (Ferencváros), Sudakov (Shakhtar Donetsk), Bezus (Gent); Yaremchuk (Gent), Besedin (Dinamo Kiev), Dovbyk (Dnipro-1).

Un gruppo caratterizzato da calciatori esperti e nomi poco noti al panorama calcistico internazionale che punta molto sulla forza del collettivo. Yarmolenko, Malinovskyi e Zinchenko le grandi certezze. Bezus, invece, la possibile rivelazione.

Macedonia del Nord: la prima grande esperienza per chiudere l’era Pandev

Foto: profilo Twitter UEFA EURO 2020

Storica qualificazione per la Macedonia del Nord, nazionale che parteciperà per la prima volta alla fase finale di un torneo. Tante incognite accompagnate da calciatori che vantano trascorsi nel campionato italiano. Probabilmente, sarà l’ultima avventura da professionista per Goran Pandev, una vera e propria icona per la selezione. Questi i ventisei convocati:

Dimitrievski (Rayo Vallecano), Siskovski (Doxa Katokopia), Jankov (Rabotnicki); Ristovski (Dinamo Zagabria), Musliu (Fehérvár), Bejtulai (Shkëndija), Ristevski (Újpest Dozsa), Zajkov (Charleroi), Velkovski (Rijeka), Alioski (Leeds); Ademi (Dinamo Zagabria), Bardhi (Levante), Spirovski (Aek Larnaca), Nikolov (Lecce), Kostadinov (Ruzomberok), Hasani (Partizani Tirana), Elmas (Napoli), Avramovski (Kayserispor), Curlinov (Stoccarda), Radeski (Akademija Pandev); Pandev (Genoa), Trajkovski (Maiorca), Trickovski (Aek Larnaca), Stojanovski (Chambly), Velkovski (Sarajevo), Ristovski (Spartak Trnava).

Potrebbe essere l’Europeo della consacrazione per Elmas, centrocampista che non è ancora riuscito a mettere in mostra le proprie qualità con la maglia del Napoli. I ragazzi di Angelovski punteranno sull’affiatamento del gruppo, anche considerando le pochissime individualità. Aver ottenuto il pass per la fase a gironi rappresenta un grande traguardo per la nazione, tuttavia, la federazione ha le idee ben chiare: EURO 2020 non sarà una gita turistica.

L’Olanda dovrebbe riuscire ad imporsi senza troppe difficoltà. Occhio, però, al desiderio di rivalsa di Austria ed Ucraina. L’entusiasmo del debutto dei Leoni Rossi, inoltre, potrebbe creare qualche insidia inaspettata.

Ivan Serio

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search