Edison Cavani: “ Napoli è un pezzo di cuore”

Edison Cavani: “ Napoli è un pezzo di cuore”


Edinson Cavani, giocatore che ha militato nel Napoli dal 2010 al 2013, con ben 104 reti totali, ha fatto una lunga intervista alla “ Gazzetta dello Sport” e tra i vari temi affrontati, ripensa ai bei momenti vissuti in maglia azzurra.

Di seguito quando detto da Edison:

“Napoli è un pezzo di cuore. Per tanti motivi: il passato, ma anche il presente. I miei primi due figli, Bautista e Lucas, vivono li, hanno 9 e 11 anni, giocano a calcio e ovviamente tifano Napoli”.

“Tutte le squadre dove giochi ti lasciano qualcosa però Napoli ha un posto speciale nella mia memoria, perché quei tre anni sono stati l’embrione che ha fatto sbocciare una carriera che poi è proseguita a Parigi e a Manchester. Io sono un tipo riservato, poco abituato ad esternare le emozioni. E l’affetto che ricevetti a Napoli dal primo momento mi emozionò, e fece scattare dentro di me qualcosa di speciale”. 

Appena arrivato in città fuori dall’hotel c’era un sacco di gente. E allo stadio… incredibile. Il presidente De Laurentiis voleva che facessi un giro del San Paolo per salutare come se fossi il papa, ma io non me la sentivo, non avevo giocato nemmeno un minuto, non avevo fatto niente per quella gente che mi stava accogliendo in quel modo straordinario. Quelle facce, quell’affetto, quella partecipazione, quell’energia… fui travolto”.

Sentivo che dovevo ricambiare in qualche modo, e detti tutto me stesso per farlo. Anche per questo la vittoria della Coppa Italia dopo tanti anni senza un trofeo, contro quella Juve fortissima, fu qualcosa di magico e d’indelebile. Magari non era un grandissimo titolo, ma arrivò al termine di un cammino che facemmo uniti alla città, e la condivisione della gioia fu totale”.

Foto copertina: Vesuvio live

Francesca Tripaldelli

LEGGI ANCHE

È finita un’era, Mertens lascia il Napoli

Crowdfunding: il finanziamento che mette al centro i tifosi

La miniera d’oro degli americani: la Seria A

Europei Femminili, la vittoria dell’Inghilterra e il disastro dell’Italia

Kepa è il portiere giusto per il Napoli?

Stadio di proprietà: è un bene per i tifosi?

Top e Flop Napoli-Lecce: male Ndombele, solido Ostigard

Meret sarà il portiere del futuro: siamo sicuri?

La grande ingiustizia: il calcio femminile è ancora troppo lontano da quello maschile

Napoli al…femminile: la salvezza non è stata raggiunta, la retrocessione è realtà

Caro Simeone, era destino

Top e Flop Napoli-Liverpool: Anguissa sontuoso, Kvaratskhelia fenomeno

Eriksen è tornato in campo

Tanto pane per i denti delle ‘vedovelle’: Milik brilla con il Marsiglia e Osimhen non fa gol

Mondiale 2022: parola d’ordine sfruttamento della forza lavoro

Puma, lanciate le maglie senza logo: meglio così?

Perché l’Olanda continua a fallire?

Bayern Monaco-Sambenedettese: il gemellaggio che non vi sareste mai aspettati

Instagram

Start typing and press Enter to search