Allan torna a parlare dell’ammutinamento: “Non ero uno dei responsabili”

Allan torna a parlare dell’ammutinamento: “Non ero uno dei responsabili, sono una persona seria”

Foto: Twitter Napoli

Allan, attuale centrocampista dell’Everton ex Napoli, ha rilasciato un’intervista a Il Corriere dello Sport. Le sue parole:

Il Napoli dei 91 punti.

«Un dolore che ricompare ogni volta che ci penso. Giocavamo un calcio raffinato come nessun’altra squadra sapeva fare. In genere, nel calcio, viene ricordato chi vince; invece, fateci caso, se si cerca un riferimento tecnico del recente passato, spesso si cita quel Napoli. Una sintonia unica, la squadra più bella».

E allora che successe?

«Accadde alla vigilia, davanti alla tv, nel momento in cui ci rendemmo conto che era finita, perché la Juventus, che vinse in casa dell’Inter, a quel punto aveva un calendario agevolissimo. Capimmo, in quella serata, quanto sia difficile vincere il campionato in Italia. E fu sotto gli occhi di tutti. Noi ci trovammo senza energia, eravamo distrutti, quel risultato divenne per noi frustrazione».

C’è spazio anche per l’ammutinamento.

«Vicenda triste, sulla quale sono state riportate inesattezze. Ma io non vorrei adesso stare qui a parlare. E comunque la verità non si è mai saputa. Intanto, sgombero il campo da una falsità: che i calciatori fossero contro Ancelotti».

Al tempo, si disse che proprio Allan fu uno dei promotori dell’ammutinamento.

«Ruolo che mi venne incollato addosso e ho dovuto condividere con un paio di miei compagni, con Lorenzo, ad esempio. Mentre invece quella fu una scelta di gruppo e il Napoli sapeva che ritenevamo ingiusto andare in ritiro. Passai, con Insigne, come uno dei capi. Io che ero infortunato e che non potevo non essere lì, che non giocai quella volta, scoprii di essere ritenuto un ideologo della sommossa. C’è chi aggiunse che ce l’avevo con Carlo, la persona più speciale che abbia incontrato e che mesi dopo mi avrebbe voluto con lui all’Everton. Ci furono malintesi che si sarebbero potuti chiarire, ma venne imposto il silenzio stampa e quindi fu impossibile parlarne».

Cosa avreste detto, se ve lo avessero permesso?

«Che noi eravamo tutti con Carlo. Punto».

L’ammutinamento fu uno dei motivi del suo addio al Napoli.

«Volevo andar via, volevo sorridere, la mia immagine era uscita macchiata mentre io sono una persona seria».

E così fu Everton. Ma Allan volle provare a chiudere pacificamente col Napoli.

«Scrissi un messaggio a De Laurentiis, per ringraziarlo dell’opportunità che mi aveva dato e per cinque anni di vivere a Napoli, di far parte di un pezzo della storia del club. Non portavo rancore per ciò che era successo, si stava chiudendo un ciclo e una relazione. Peccato non abbia mai ricevuto risposta».

Napoli non ha mai smesso di amarlo.

«L’amore di Napoli è il mio trofeo e io lo colgo per strada o nei rapporti che ho conservato. Quel quinquennio è stato strepitoso, squadra indimenticabile. Penso a Reina, ad Albiol, che alla sua età è ancora arrivato in semifinale Champions; penso a Lorenzo, al quale auguro tutto il bene del mondo in Canada: penso a tutti e sogno che l’anno prossimo il Napoli vinca lo scudetto».

Leggi anche

1 – Il fitto calendario è un problema: le parole di Giampaolo

2 – Oggi la decisione del Giudice sportivo per la squalifica di Insigne

3 – Serie A, ecco l’arbitro di Lazio-Napoli

4 – Il Milan prova a rinforzare la rosa: ecco chi potrebbe arrivare in rossonero

5 – Bergonzi: “Una brutta parola può scappare durate un’azione, però Insigne…”

6 – La statistica: come Mourinho sta cambiando Kane e Son

7 – La FIGC non si costituisce sul caso di Torino: cosa succede adesso?

8 – QUALE SARÀ IL FUTURO DEL PAPU?

9 – BOXING DAY, LE PARTITE DI OGGI

10 – VIDEO – UNO SPECIALE PER D10S: DOVE E QUANDO VEDERLO

11 – NAPOLI – TRA CAMPIONATO E COPPE, NOVE PARTITE IN UN MESE?: IL POSSIBILE CALENDARIO

12 – ALMENDRA NON VENNE CEDUTO AL NAPOLI, BURDISSO SPIEGA IL PERCHÉ

13 – LA FAMIGLIA DE LAURENTIIS NON PUNTA SUL CALCIO FEMMINILE

14- ZIDANE: “HO TERMINATO L’ISOLAMENTO, DOMANI SARÒ IN PANCHINA!”

15 – PREMIER, IL TOTTENHAM VINCE E RAGGIUNGE IL 5′ POSTO

16 – Barcellona-PSG: pass network e top combinazioni, il grafico

17 – Maradona: la sua auto sarà battuta all’asta

18 – Man of the Match di Napoli-Juventus

19 – Top e flop di Napoli-Juventus: Meret salva il risultato, Rrahmani insuperabile

20 – “Sti Gran Calci…” di Gianmaria Roberti

21 – Il Caffè del Professore

22 – La nostra rubrica fantacalcio: tutti i consigli partita per partita

23 – Neymar ha deciso di divorziare dalla Nike, scopriamo i motivi della scelta del brasiliano

24 – INSTAGRAM PAROLA DEL TIFOSO

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search