Parola del tifoso di Giovanni Pisano

Testata giornalistica online iscritta al tribunale di Napoli

Una società da vero cinepanettone…

Se l’altra volta abbiamo analizzato la situazione Corona-Virus in tutto il mondo ma soprattutto nella nostra penisola, quest’oggi è il turno di parlare del disastro cinematografico organizzato dalla società calcio Napoli.

Mi occorre una macchina dal tempo per tornare a qualche anno fa: era l’estate del 2013 e Rafa Benitez diventava un nuovo allenatore della squadra partenopea.
Nuovo tecnico, nuovo progetto.

Ai piedi del Vesuvio ci fu una vera e propria rifondazione, comprando giocatori esperti abbinati a scommesse. Fu una sorta di capodanno senza fuochi, Higuain, Reina, Albiol, Callejòn e Mertens per acquisire una dimensione internazionale.
Giocatori importanti che di lì a poco sarebbero diventati i protagonisti di una nuova epoca targata Benitez prima e Sarri, Ancelotti e Gattuso poi.

Mentre qualcuno di questi ha detto addio già da un po’ alla causa azzurra c’è qualcuno che il suo destino ancora non lo conosce: Dries Mertens e Josè Callejòn, uomini e calciatori di una infinità qualità abbinati ad enormi attributi.

Il belga e lo spagnolo, la diversità nella somiglianza; due ragazzi che con il tempo sono diventati tutt’uno con il Napoli, inteso come squadra e Napoli inteso come tifo.

1926 nel cuore e nella mente, sul campo e fuori : gol, assist, beneficenza, aiuti ai senza tetto e chi più ne ha più ne metta.

Ora siamo al 16 Maggio e per quanto possiamo dire che entrambi sono due top player, la loro permanenza nel capoluogo campano è più che incerta.
Il belga è andato vicino al rinnovo poi non concluso mentre con l’ex Real Madrid il patron De Laurentiis non ha trovato neanche il modo per sedersi a tavola.
Si parla dell’Inter per uno e del Siviglia/Valencia per l’altro.
Voci vere o false?

Chi vivrà vedrà ma quest’oggi vi invito a ragionare su come sia stata gestita male la situazione.
L’unica verità è che le parole “top club” e “Napoli” non potranno mai essere affiancate finquando una società di una squadra che da anni è una delle maggiori potenze del calcio italiano, fa ancora fatica ad amministrare un quadro del genere.
Forse è proprio vero, non saremo mai una grande squadra.

Il perché?
I trofei si vincono anche fuori dal campo, anche seduti ad un tavolo ma oltre a queste due cose di cui vi ho parlato vi inviterei a riflettere su un’altra cosa, il futuro.
Per il dopo Mertens-Callejòn chi sarà il giovane di turno che diventerà un grande giocatore ed il patron azzurro rivenderà ad una cifra faronica?
Mentalità da imprenditore (non vincente).

Gennaro Del Vecchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*