Parola del tifoso di Giovanni Pisano

Testata giornalistica online iscritta al tribunale di Napoli

UN NAPOLI IMBARAZZANTE APPESO AL SOGNO EUROPEO

Bentrovati amici della Sfera Cubica, oggi voglio parlarvi di come la stagione del Napoli sia arrivata a un bivio. Ho sempre detto che è inutile fare paragoni tra Sarri ed Ancelotti, ma è chiaro che il divario tra le due gestioni per il momento è abissale.

Il Napoli di Sarri ha voluto puntare sul campionato, mentalità provinciale direbbe qualcuno, e quello di Ancelotti invece sta correndo ancora in Europa League e ad oggi ha avuto la fortuna di trovare squadre cuscinetto sul suo cammino e speriamo che non sia stata questa congiuntura positiva ad averci favorito nella corsa alla finale di Baku.

Certo, le prestazioni della squadra sono sotto tono, lo dicono anche le statistiche, e la sfida contro il Sassuolo ha denotato come il Napoli stia cedendo il passo in campionato ed una partita contro una squadra di media forza non riesce ad essere vinta con le seconde linee.

Prima di procedere però, dobbiamo ringraziare Simone Verdi per essere un attento lettore della nostra rubrica: l’articolo http://www.paroladeltifoso.it/dossier-napoli-tutti-gli-inciuci-da-spogliatoio-che-non-dovete-assolutamente-sapere/ ha lasciato spiazzati tutti i giocatori del Napoli e la società stessa tanto che il buon Simone Verdi nella sua intervista ha seguito per filo e per segno il nostro invito dove recitavamo “Anche lui sotto esame e certamente deve comprendere di giocare nel Napoli e non nel Bologna. Non lo vedo in discussione, ma da qui a diventare titolare ce ne vuole e anche molto.” Ed infatti ha dichiarato alla sua prima uscita in conferenza stampa dopo l’articolo “Che l’anno scorso mi bastava essere all’80 per cento per essere il migliore, adesso invece faccio fatica”.

E vogliamo anche parlare del caso Hamsik che è venuto fuori alla fine? Da capitano che aveva una ghiotta opportunità, solo noi avevamo percepito il suo augurio “di vincere l’Europa League” come uno sfottò alla società ed ai compagni, confermato proprio dalla sua dichiarazione “sarei restato se fossi stato ancora in corsa per lo scudetto”. Perché? Essere in corsa per l’Europa League fa proprio schifo domando io?

Ritorniamo a noi che oggi ci confrontiamo con una realtà davvero destabilizzante. Mentre la tifoseria si spacca sugli obiettivi stagionali, una pianificazione mancata con due cessioni a centrocampo non sostituite degnamente a detta di molti, grandi gesta imprenditoriali senza successi sportivi, io semplicemente dico che la Juventus merita i complimenti perché l’operazione Ronaldo ha annichilito un mercato per via del fatto che nessuno ha nemmeno immaginato sin dall’inizio di contrastare per bene la Vecchia Signora perché il campionato è partito “già assegnato”.

Che sfizio c’è allora a guardare partite, pagare eventualmente un biglietto allo stadio, con un campionato dall’esito già definito ed una squadra che fa tentativi tattici con otto sostituzioni sull’undici titolare con risultati mediocri? Ed ecco che si apre il capitolo più triste di questa vicenda: mentre è sotto gli occhi di tutti che siamo appesi al filo dell’Europa League, che mancano innesti di qualità e che abbiamo giocatori sul groppone che non decidono le sorti delle partite anche secondarie e che lo spogliatoio ha tanti problemi, che si evincono anche dalle dichiarazioni di Insigne a fine gara che ha già annunciato una sua eventuale cessione, è normale quindi che la società e la sua stampa istituzionalizzata offendano i tifosi che non la pensano così?

Certo, vi invito anche io ad avere fiducia in Ancelotti e a stare calmi, perché è proprio in questa rubrica che in tempi non sospetti, prim’ancora dei gironi Champions, abbiamo individuato la nostra vera ragione di vita calcistica nella Europa League. Personalmente invito a pazientare sull’esito della stagione per sancire se sia fallimentare o meno, ma a reagire sempre a chi offende la libertà di opinione e di espressione: non esiste una dittatura del pensiero, figuriamoci in un gioco sporco e truffaldino come il calcio dove società, calciatori e dirigenti rappresentano un mondo marcio e malato quando dovrebbe essere pregno di valori che non sanno assolutamente esprimere,soprattutto se invitano i tifosi ad azzuffarsi tra loro.

Siate sempre liberi e un giorno vi spiegherò l’esperimento di Anche per farvi capire come funziona il metodo di manipolazione del pensiero del pacchetto “Napoli” fatto di Servizi Segreti, Tifoseria borghese e qualche voce prezzolata.

Alla prossima amici

Livio Varriale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*