Parola del tifoso di Giovanni Pisano

Testata giornalistica online iscritta al tribunale di Napoli

Parola al Cittadino: Migranti sfamati a Nerano; Duro colpo al Clan Giannelli; al Vomero un’auto spinge un motorino…

Un caloroso -ben ritrovati- a tutti i nostri lettori, eccoci anche questa settimana con un altro interessante articolo di cronaca di “Parola al Cittadino”.

Lunedì, che umiliazione andare in fabbrica al servizio…Scherzo, ma non a caso. Ciò che state leggendo infatti è accaduto nelle vicinanze dello Stadio San Paolo (soltanto il nome a volte rimanda a certi ricordi da tifoso).
Metta la mascherina“, così ha esordito il carabiniere aggredito lunedì in Cumana, all’altezza di Edenlandia.Il pubblico ufficiale, in borghese, stava soltanto cercando di svolgere il proprio lavoro e di invitare a rispettare le norme anti-contagio, dal momento che un passeggero era completamente sprovvisto di mascherina. Le cose sono andate ben diversamente però. Ne è nata infatti un’accesa discussione, che si è trasformata poi in una vera e propria aggressione. L’aggressore è stato arrestato ed il carabiniere è stato ricoverato in ospedale per una sospetta frattura del setto nasale, poi confermata.Hanno commentato l’episodio anche Alfonso Langella, segretario generale della Fit Cisl Campania ed il coordinatore aggiunto Giuseppe De Rosa: “Esprimiamo solidarietà al Carabiniere aggredito oggi su un treno della Cumana per aver chiesto ad un passeggero di indossare la mascherina. È quello che succede ormai quotidianamente al personale impiegato nei trasporti. Ci chiediamo cosa facesse in giro questo passeggero senza mascherina in zona rossa e vorremmo anche sapere che tipo di sanzioni gli verranno applicate visto che ha aggredito un pubblico ufficiale come lo sono i dipendenti preposti dei trasporti. Solidarietà al Carabiniere e massima severità nei confronti degli aggressori in modo che questi atti violenti non si verifichino più”.

-Voltiamo pagina, martedì poco dopo le ore 20, a Nerano (Massa Lubrense) sono sbarcati sedici migranti. Si è trattato in particolare di quattordici uomini e due donne, tutti in cerca della “meta più fortunata”.Ciò che ha fatto molto discutere è stato un bel gesto di solidarietà, al quale si è potuto assistere grazie alla generosità della proprietaria di una salumeria della zona.
La signora ha aperto il negozio appositamente e ha dato loro da mangiare. Belle le immagini mostrate attraverso un video che ha fatto il giro del web. Sul posto sono poi giunte le forze dell’ordine, che hanno coordinato le operazioni di assistenza ed accertato le generalità dei migranti. Accoglienza anche da parte dello stesso sindaco di Massa Lubrense, Lorenzo Balducelli, che ha dato loro asilo nella Sala delle Sirene del Comune in attesa di stabilire dove verranno collocati. I migranti provengono da Iran e Iraq e saranno anche sottoposti al tampone.

-Duro colpo al clan Giannelli nella giornata di mercoledì.Nel corso della mattinata, in provincia di Napoli, Caserta, Roma e Forlì, i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 16 indagati, ritenuti responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, omicidio, tentato omicidio, estorsione, detenzione e cessione di sostanze stupefacenti, porto e uso illegale d’armi da fuoco ed altro ancora.
In particolare operavano nelle aree urbane di Cavalleggeri d’Aosta, Coroglio, Agnano e Bagnoli, nel settore delle estorsioni e del narcotraffico. Ciò spiega l’elevata conflittualità con il gruppo “Esposito – Nappi – Bitonto”, attivo nello stesso contesto territoriale. È stato rilevato inoltre un controllo significativo da parte del “famoso” Clan Licciardi.

Giovedì al Vomero, un 27enne ha rubato un motorino ed è stato spinto per un tratto dall’auto di un complice.I carabinieri hanno arrestato per furto aggravato C.D.L., di Fuorigrotta già noto alle forze dell’ordine. Secondo la ricostruzione dei fatti dunque: una persona sospetta è stata notata in Via Luca Giordano, a bordo di uno scooter bianco. Il 27enne stava forzando il bloccasterzo di un altro motoveicolo parcheggiato. Spinto dal veicolo guidato dal complice, il giovane ha percorso via Scarlatti, imboccando poi Via Belvedere.Proprio in quel momento i militari lo hanno bloccato. Mentre il complice che guidava l’auto è riuscito a fuggire, l’altro è invece rimasto senza spinta ed è così stato facile bloccarlo e farlo finire in manette. Il ragazzo è stato condannato ad 1 anno e 4 mesi di reclusione col beneficio della sospensione condizionale della pena e sottoposto all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. 

Ieri intorno alle ore 12, c’è stata una forte esplosione in un appartamento a Scampia. Il luogo dell’accaduto è il terzo piano di un edificio del rione Monterosa, nei pressi di Piazza Libertà.Sul posto i carabinieri e tre squadre dei vigili del fuoco. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, la causa potrebbe essere stata una bombola a gas malfunzionante. Si attendono aggiornamenti in merito.

Per questa settimana è tutto, appuntamento come sempre a sabato prossimo. 
Raffaele Accetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*