Parola del tifoso di Giovanni Pisano

Testata giornalistica online iscritta al tribunale di Napoli

“Magic Moment Of The Week” – Di Antonino Treviglio

1)Dejan Kulusevski si presenta ai meno noti nel Monday Match in scena al “Tardini”.

Parma-Torino 3-2, avrà sempre un sapore speciale per il calciatore svedese di origini macedone.

Arriva il primo gol in Serie A, dopo soli 2’ minuti di gioco, che spiana la strada ai ducali e al calciatore in prestito dall’Atalanta, per una prestazione memorabile.

Con le sue giocate di qualità e l’Assist per Cornelius nella rete del 2-1, diventa una spina nel fianco dei granata, per tutti i 90 minuti.

6 giornate di campionato: 3 Assist e 1 gol.

Sinistro chirurgico, visione di gioco pazzesca; muniamoci di carta e penna, per un classe 2000, un predestinato per i palcoscenici più importanti.

2)In campo, sabato le cose contro il Manchester City non sono andate benissimo per la sconfitta dei padroni di casa per 1-3, ma fuori i tifosi dell’Everton hanno sicuramente vinto la partita più importante.

Prima della gara infatti è stato esposto uno striscione con la gigantografia di Moise Kean, ex attaccante della Juventus acquistato dall’Everton, in estate. Il tutto per dire “NO AL RAZZISMO”.

L’iniziativa, organizzata da i ‘County Road Bobblers’, è stata finanziata anche con l’aiuto della società che l’ha subito sposata.

3)L’immagine più bella di questa domenica di calcio, la regala Mario Balotelli.

In una città che per l’attaccante ha un sapore speciale.

In una città dove integrazione ed accoglienza, sono all’ordine del giorno.

Prima del match entra in campo con sua figlia Pia, napoletana a tutti gli effetti, emozionando il San Paolo per la sua tenerezza.

In campo invece, il suo ritorno al gol.

1468 giorni dopo la punizione realizzata in Udinese-Milan del 22 settembre 2015.

Prima gioia con la maglia delle “Rondinelle”, Super Mario realizza di testa, il gol del 2-1 che riapre il match.

Da buon padre di famiglia, a 29 anni sembra aver messo la testa a posto; #baloisback?

4)Tutti i giocatori dello Sparta Praga sono stati invitati a togliersi la maglia dopo l’ennesima brutta prestazione che ha causato la sconfitta sul campo del Viktoria Plzen. Le maglie catturate dagli Ultras Sparta, sono poi state esposte come trofeo nel settore ospiti della Doosan Arena.

Attualmente lo Sparta si trova all’ottavo posto del campionato ceco, con 14 punti conquistati in 11 partite, continua la crisi del club più titolato di Repubblica Ceca che ora si trova lontanissimo dalla vetta presidiata dai cugini dello Slavia.

Antonino Treviglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*