Parola del tifoso di Giovanni Pisano

Testata giornalistica online iscritta al tribunale di Napoli

L’era di Sky è quasi al termine con Amazon alla porta.

Quanto ha influito sulle nostre vite l’avvento del Corona Virus?
Tanto, inutile negarlo o trovare scorciatoie per arrivare ad una risposta, questa pandemia ha cambiato le nostre giornate ma soprattutto il nostro modus essendi.
Un’altra domanda che mi sorge spontanea è: quanto ha distrutto il mercato questo tsunami?
Si è parlato parechio in questi mesi dell’impatto che ha messo in difficoltà il mondo intero costringendolo ad inginocchiarsi davanti a questo nemico invisibile chiedendo pietà, vuoi per le vite o i lavori persi, vuoi per la chiusura di un’azienda.
Ha colpito veramente tutti dal più ricco al più povero e per quanto possiamo ostinarci a dire che attraverso questa epidemia il divario tra il benestante ed il bisognoso si è dimostrato ancora più calcato, non possiamo che guardare l’altra faccia della medaglia in cui è possibile notare che anche ai milionari o alle potenze mondiali è toccato subire il danno di questa crisi.
Basti pensare agli USA e alla voragine tirata fuori dal Corona Virus.
Il mercato del lavoro è stata la prima vittima dell’economia negli Stati Uniti infatti da Metà Marzo i disoccupati sono arrivati a 30 milioni crescendo al ritmo di 10 milioni ogni due settimane.
Oltre ai paesi ha condizionato anche squadre di calcio ed aziende televisive come Sky Sport che è l’organo principale per quanto la trasmissione delle partite di Serie A in Italia.
L’attuale situazione del bando del campionato italiano è ferma in quanto il principale player ovvero Sky è in causa con la Lega per non aver pagato l’ultima tranche dei diritti televisivi.
Inoltre è doveroso dare uno sguardo al calendario che corre velocemente, infatti è scaduta l’esclusiva del fondo d’investimento CVC nella trattativa per l’acquisizione dei diritti televisivi della Serie A.
Il tutto ora verrà deciso dai presidenti dei club nell’assemblea di Martedì in cui dovranno decidere sia sulla proposta più solida ma soprattutto se andare avanti o no con un modello di business differente rispetto a quello corrente incentrato su una società partecipata da uno dei soggetti finanziari.
Una situazione tanto difficile quanto golosa per le altre aziende pronte a bussare alla porta, in pole abbiamo Amazon, che già in Inghilterra sta trasmettendo la Premier League su Twitch.
Non sapremo il finale di questa telenovela ma se i diritti dovessero essere venduti alla company di Seattle diventerebbe una scelta epocale.

Gennaro Del Vecchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*