Parola del tifoso di Giovanni Pisano

Testata giornalistica online iscritta al tribunale di Napoli

Le partite più rissose-Quella volta che Felipe Melo scatenò un finimondo 

Ben ritrovati cari lettori, oggi ci spostiamo in Uruguay.Parliamo della gara disputatasi tra Penarol e Palmeiras, terminata sul punteggio di 2-3 e valida per la fase a gironi della Copa Libertadores.La partita è stata coinvolta da una grande rissa in campo tra giocatori e tifosi.Il protagonista è stato l’ex interista Felipe Melo, reo di aver colpito con un pugno il giocatore avversario Mier per poi essere inseguito dagli uruguaiani che cercavano vendetta.I brasiliani del Palmeiras hanno poi cercato di tornare nei loro spogliatoi per evitare il peggio, salvo trovare le porte d’accesso chiuse.
Purtroppo gli scontri si sono spostati anche sugli spalti dove i tifosi del Penarol hanno cercato di invadere il settore occupato dai supporters del Palmeiras.


Proviamo a ricostruire la rissaCome dicevamo pocanzi dunque, Melo ha colpito con un pugno Matias Mier del Penarol e poi è stato inseguito per tutto il campo dagli uruguaiani in cerca di vendetta. Nella mischia generale sono rimasti colpiti anche Willian e Fernando Prass, i due che hanno avuto la peggio.
A quanto pare c’è un retroscena molto curioso a rendere ancora più interessante il tuttoIl giorno della sua presentazione al Verdao, disse: “Se dovrò dare un calcione, darò un calcione – aveva dichiarato -. Se giocherò contro l’Uruguay e dovrò dare una pedata in faccia a un uruguagio, darò una pedata in faccia a un uruguagio. Fa parte del mio modo di giocare. Sempre con responsabilità, eh? Perché ho 33 anni adesso, e ovviamente la mia idea non è quella di lasciare la squadra con uno in meno. Sono migliorato per ogni anno che è passato. Sono migliorato, eh? Ma potete starne certi, se capiterà un uno contro uno in cui l’avversario stia per fare gol e io debba dargli un calcione per fermarlo, si prenderà il calcione. Lo farò per difendere i colori del Palmeiras”. Ecco, mettiamola così: ha mantenuto la “promessa”…


L’avversario Gaston Rodriguez ha esclamato nel post-partita: “Mi ha dato della scimmia per l’intera durata dell’incontro. Non riesco a trovare una spiegazione plausibile, forse la moglie l’avrà tradito con qualche nero”, l’accusa dell’ex nerazzurro.
Eccoci giunti alla fine di questo caldo racconto, non mi resta che concludere come sempre, dandovi appuntamento al prossimo articolo bollente. 

Raffaele Accetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*