Parola del tifoso di Giovanni Pisano

Testata giornalistica online iscritta al tribunale di Napoli

Europa League: ecco le 5 finali più incredibili di sempre

Il calcio europeo è senza ombra di dubbio il più seguito a livello mondiale grazie alle sue competizioni dall’alto calibro quali Champions League ed Europa League. Dopo avervi elencato le 5 finali più incredibili della Coppa dalle grandi orecchie, vi presentiamo altre cinque sfide indimenticabili che hanno contraddistinto il secondo torneo internazionale più seguito nel nostro continente. Innanzitutto bisogna introdurre la storia dell’Europa League, la quale venne istituita nel 1971 dalla Federazione Uefa, anno in cui vigeva il nome di “Coppa Uefa”. Dal 1999 invece, in seguito all’abolizione della Coppa delle Coppe, il torneo ha inglobato anche i team partecipanti a quella competizione, mentre nel 2009, successivamente all’abolizione dell’Intertoto, prese vita l’attuale Europa League; ma vi siete mai chiesti quali sono le finali più assurde della sua storia?

Andiamo per ordine:

5 Parma-Juventus (1994-1995)
Si parte dalla nostra nazione, l’Italia, paese che ospitò il match tra Parma e Juventus (all’epoca due formazioni formidabili). La Juventus di Lippi sfidava l’armata parmigiana di Asprilla e Zola, la quale non si piegò assolutamente allo strapotere tecnico tattico bianconero. La competizione prevedeva due scontri, andata e ritorno: il primo , giocato al Tardini, fu vinto dai padroni di casa per 1-0 grazie al goal di Baggio, mentre il secondo si disputò al San Siro, siccome il Delle Alpi di Torino non poteva permettersi un gran afflusso di pubblico; ma come terminò la partita? 1-1, il marcatore? Dino Baggio ancora una volta. Incubo per i bianconeri e miracolo sportivo per il Parma.
4 Inter-Schalke 04 (1996-1997)

Esattamente due anni dopo l’Europa League torna ad ospitare una finale in Italia, ma questa volta i protagonisti sono i neroazzurri. L’Inter viveva uno dei suoi miglior momenti calcistici di sempre grazie all’altissimo livello qualitativo della propria rosa; il campo però proferì tutt’altro. Andata disputata in Germania che vide vincitore lo Schalke per uno a zero, mentre il ritorno terminò con lo stesso risultato a favore dei milanesi, dunque supplementari e poi rigori, i quali classificarono i tedeschi come campioni a causa di ben 2 rigori sbagliati dall’Inter su 3.
3 Benfica-Chelsea
La top 3 si colloca in un periodo molto più recente rispetto alle partite narrate sino ad ora. Siamo nel 2013, Chelsea e Benfica, due formazioni molto in forma, sono pronte a darsi battaglia. La finale secca si apre con il goal al sessantesimo minuto di Fernando Torres, al quale si opporrà il pareggio di Cardozo al 68’, seguito infine da un miracolo di Cech sullo stesso paraguaiano; il big match si concluderà con un colpo di testa del difensore Ivanovic che rimanderà nel baratro i portoghesi con la loro maledizione europea.
2 Ipswich Town-Az Alkmaar (1980-1981)

La seconda posizione viene conquistata da una finale con un totale di ben 9 goal messi a segno. Il match disputatosi all’andata a Portman Road vide i padroni di casa (Ipswich) comandare per 3-0 grazie anche al goal di Thijssen, ex rivale in Eredivise degli olandesi, mentre il ritorno assunse una faccia completamente diversa: nonostante gli inglesi aprino le marcature all’Olympic Stadium di Amsterdam, tra l’altro nuovamente con Thjissen, l’AZ riuscirà a rifilare agli ospiti ben 4 reti, alle quali se ne opporrà un’altra dell’Ipswich chiudendo così il risultato sul 4-2; inutili i tentativi nel recupero dei biancorossi. Supplementari bloccati da un palo nei minuti di recupero e sogno Europa abbandonato per gli attuali sfidanti del Napoli.
1 Espanyol-Bayer Leverkusen (1987-1988)

Il primo posto ospita finalmente anche un club spagnolo, ovvero l’Espanyol. Il termine iberico “remuntada” fu usato però contro i suoi inventori in questa strana finale di Europa League. All’andata “Los Periquitos” si imposero fortemente con un netto 3-0, al ritorno però, dopo un primo tempo fermo sullo 0-0, i tedeschi ribaltarono la situazione pareggiando i goal e portando la sfida ai rigori; la lotteria diede ragione al Leverkusen sopratutto grazie al portiere Vollborn. Fu il primo torneo internazionale per il Bayer.

Com’è ben noto oltre alla Champions, anche l’Europa League nel corso degli anni è stata capace di regalare agli appassionati del calcio forti emozioni. Ogni finale ha una storia ha se, mai giudicare un libro dalla copertina.

Renato Oliviero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*