Parola del tifoso di Giovanni Pisano

Testata giornalistica online iscritta al tribunale di Napoli

Ancelotti e De Laurentiis leggono la sfera Cubica. Buon Anno e Forza Napoli

Cari amici della sfera cubica, il Natale è trascorso, ma l’aria di festa deve ancora essere smaltita fino alla befana, almeno.

Il bilancio dei primi mesi è stato più che positivo ed il merito è vostro ed anche del nostro portale Paroladeltifoso

Con questo prodotto editoriale siamo stati protagonisti di un cambiamento epocale che ha distinto il vecchio modo di pensare il calcio con uno nuovo, più critico e soprattutto più genuino.

Un portale di tifosi che mette sotto torchio il calcio ed i suoi beniamini, va oltre il semplice sostenere una squadra aldilà del risultato. Napoli ha più volte reclamato una nuova mentalità e questa pare stia arrivando.

Lo stadio quest’anno è stato poco affollato, vuoi la crisi economica vuoi il format azzurro che non stupisce più come prima. Però devo dare atto che il nostro Napoli è cambiato negli uomini e nell’approccio alla stampa. Ma chi legge Paroladeltifoso è sicuramente Ancelotti.

Qualunque allenatore si sarebbe accomodato sull’indignazione generale dopo l’editoriale sull’insuccesso del Napoli in Champions, ma chi ha seguito la linea editoriale del giornale, sono stati certamente Ancelotti e De Laurentiis. Prima di venire a loro, possiamo affermare che siamo stati i primi ad incoraggiare la squadra in Europa League, nonostante molti, addetti ai lavori e non, già si erano adagiati sull’eliminazione degli azzurri nel cosiddetto girone di ferro composto da Psg e Liverpool.

E chi ha accettato la sfida, confermando il sentimento di delusione e di insuccesso, è stato Mr Ancelotti. Sarri e Benitez già avrebbero approfittato di qualche voce amica per diffondere messaggi contrastanti una eventuale tesi di sconfitta, Ancelotti no, invece.

Carlo ha raddoppiato la dose di sconforto, ma ha saputo accogliere la nuova sfida europea dichiarando che ci proveremo fino alla fine. E noi siamo lì, così come siamo lì quando notiamo che il capitano bandiera non rende quanto molti suoi colleghi di squadra. Così come quando abbiamo detto che Koulibaly è forte ma non è il migliore al mondo e poi arrivano le classifiche africane che non lo inseriscono nella graduatoria dei primi dieci.

Questa è la maturità che ci porterà lontano, così come l’esigenza di rendere una tifoseria più responsabile, sempre impulsiva, ma senza dogmi inappellabili che rasentano il medioevo della ragione umana. Adesso che è passato quasi un anno, il presidente de laurentiis si accoda alle critiche tecniche su Reina, confermando le parole di Ancelotti questa estate che recitavano di un portiere che sa parare.

E molti giornalisti amici di Reina, che ne hanno raccontato le gesta non sportive nascondendone le prestazioni mediocri, ne hanno condiviso le parole e le dichiarazioni nonostante fossero l’opposto di quanto scritto per quattro anni in quel di Napoli, togliendo di fatto la possibilità ad altri portieri di emergere.

Questo è paroladeltifoso e questo è il modo con cui si dovrebbe osservare il calcio. Sono i fatti che danno ragione, i riscontri degli addetti ai lavori che spesso non devono essere svelati nel breve termine, ma nel medio lungo perché la verità è unica, ma il tempo della sua conoscenza non è il presente, ma quello opportuno.

Noi della sfera cubica, abbiamo cercato di farlo prima di tutto e tutti, e fino ad oggi dobbiamo darci atto che le letture dei fatti e degli avvenimenti, qui riportati, non sono stati certamente imprecisi.

C’è anche ci ha provato a schernirci e a diffamarci, ma noi andiamo avanti per la nostra strada, fatta di amore e passione per il Calcio Napoli e di ricerca di una verità condivisa, con il fine di rendere più edotta la massa. E la speranza che tutto questo non si rifletta solo nella analisi calcistica, ma anche in quella politica e sociale della nostra quotidianità, è quanto di più bello possa accadere.

E l’augurio più bello che possa farci per il nuovo anno è certamente la conoscenza: solo così avremo modo di rendere la sfera sferica, modellando quella attuale, quella cubica.

Buone feste e buon anno

Livio Varriale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*