Parola del tifoso di Giovanni Pisano

Testata giornalistica online iscritta al tribunale di Napoli

Alberto Fantrau, l’uomo che permise a CR7 di diventare calciatore 

Paroladeltifoso vi riporta anni indietro per raccontarvi una delle storie più incredibili di cui gli appassionati di calcio abbiano mai sentito parlare, della serie “ Lo sapevi che ? “ . Il protagonista è un certo Cristiano Ronaldo, giocatore fenomenale, senza dubbio uno dei più forti della storia, il quale si colloca ad honorem nell’albo delle leggende per la miriade di record battuti e trofei vinti: miglior marcatore della storia della Champions League con 126 reti e detentore di ben 5 coppe di quest’ultima, giusto per tirare le somme. La stella portoghese ha fatto parlare di se sopratutto al Real Madrid, in Spagna infatti è riuscito a confermare l’enorme potenziale scorciato dagli osservatori del blancos ai tempi dello United quando Cristiano era solo un ragazzino, ma la vicenda di cui parleremo oggi ebbe luogo ancor prima, proprio in Portogallo, nella sua nazione. Conoscete Alberto Fantrau ? Probabilmente no. Quest’uomo non è altro che il miglior amico di CR7 ed è probabilmente lui la stella di questa storia. I due ragazzini ( all’ epoca ) giocavano nella stessa scuola calcio e durante un allenamento come tutti gli altri si precipitarono sul campo di gioco gli osservatori dello Sporting Lisbona, i quali avevano udito della presenza di piccole promesse, ingaggiando così una sfida : “ chi segna più goal a fine partita viene via con noi “. L’emozione e allo stesso tempo l’ansia divoravano metaforicamente tutti i presenti, invogliati a dare il massimo pur di sfruttare l’incredibile occasione presentatasi , ma nella piccola scuola calcio di Madeira vi erano due ragazzini che superavano di qualche spanna gli altri, indovinate chi ? Proprio Cristiano e Alberto, i quali con giocate di classe riuscirono a segnare ben due goal a testa  sino a quando Alberto dopo aver scartato gli ultimi difensori rimasti ed anche il portiere decise di passare il pallone a Ronaldo che appoggiando la palla in rete vinse la sfida, diventando così a tutti gli effetti un giocatore dello Sporting. A distanza di anni è stato svelato il retroscena di questa incredibile storia, CR7 chiese al compagno cosa lo avesse indotto a compiere quel gesto e la risposta fu tanto inaspettata quanto sincera, Alberto infatti disse : “ eri semplicemente più forte di me, lo meritavi tu “.  Oggi Ronaldo si occupa di tutte le spese del suo amico, il quale è disoccupato ma al contempo possiede innumerevoli oggetti di lusso, dagli orologi alle macchine, per non parlare poi delle ville in giro per il mondo. Dopo tanto tempo questa incredibile azione da parte di Alberto nei confronti di Ronaldo ci appare quasi come una scommessa, la cui puntata fosse più che certa sin dall’inizio, come se ci fosse stata la certezza che un giorno tutto sarebbe stato ripagato. L’amicizia trionfa sempre ed a volte anche la fortuna.

Renato Oliviero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*